Linguine alla Norma (a modo mio)

Se c’è una cosa che il mondo invidia all’Italia è sicuramente la cucina.
Se c’è una cosa che l’Italia invidia alla Sicilia (oltre alle bellezze naturali) sono le sue specialità culinarie, una tra queste è la pasta alla norma.
La ricetta tradizionale prevede l’uso di salsa, melanzane e ricotta salata (un formaggio tipico delle nostre zone). La versione che ho realizzato prevede gli ingredienti base della ricetta tradizionale rivisita in chiave “moderna” e, per gli intolleranti, senza formaggio (eresia!).
Per la realizzazione di questo piatto ho usato le linguine Livello Italy, “una start-up di e-commerce per la vendita e la distribuzione di prodotti enogastronomici di alta qualità”, in cui mi sono imbattuta qualche tempo fa e che mi è sembrata molto interessante perché tutti i prodotti provengono da piccoli produttori italiani selezionati e con controllo diretto su qualità e produzione. Considerate che, per me che vivo in Lux, la comodità di poter ordinare online prodotti tipicamente italiani ad un costo di spedizione minimo o addirittura gratuito è fondamentale. Le linguine che ho usato sono molto porose, quindi trattengono bene i condimenti. Devo dire che il risultato è stato eccezionale! E poi, vuoi mettere la presentazione del piatto con le linguine arrotolate che fa tanto “Masterchef”?!

Ingredienti Linguine alla norma

Ingredienti:
(per 2 persone)
• 180 gr di Linguine (qui potrete trovare quelle che ho usato io)
• 16 pomodorini ciliegini maturi
• 1 melanzana
• 20 gr di basilico
• 2 spicchi d’aglio
• 1 foglia d’alloro
• una manciata di mandorle pelate
• olio evo
• sale e pepe macinato q.b.

Preparazione:
In una padella fate rosolare i pomodorini tagliati a metà con 1 spicchio d’aglio, 2 cucchiai d’olio e un pizzico di sale per circa 15 minuti a fuoco medio basso. A fine cottura spegnete e mettete da parte.
Lavate e tagliate la melanzana in piccoli tocchetti. Prendete una padella dai bordi alti, versatevi 1/2 bicchiere d’olio, aggiungete la foglia d’alloro e fate soffriggere le melanzane per circa 20/25 minuti a fuoco medio, mescolando spesso. A fine cottura aggiustate leggermente di sale.
Nel frattempo preparate una salsina al basilico frullando le foglie con 1 spicchio d’aglio, 4 cucchiai d’olio e un pizzico di sale.
Preparate le mandorle tritandole grossolanamente. Mettetele in un padellino antiaderente e fatele tostare leggermente, a fuoco basso per 5 minuti.
Cuocete la pasta al dente, scolatela e versatela nella padella con i pomodorini. Mescolate e aggiungete parte delle melanzane.
Componete il piatto come segue: fate uno strato con la salsina al basilico, adagiatevi sopra le linguine, addizionate con altra salsa al basilico, le mandorle tritate, le restanti melanzane, una spolverata di pepe macinato fresco e servite.
Sono sicura che troverete questo piatto assolutamente gustoso.
Fatemi sapere cosa ne pensate e buon appetito!

Linguine alla norma Linguine alla norma

clicca sulle immagini per ingrandirle

Annunci

5 pensieri su “Linguine alla Norma (a modo mio)

  1. Non solo ricotta piccante. In realta’ la finitura del piatto dipende dal territorio, se ad esempio un giorno ti capitera’ di mangiare questo piatto a palermo ti accorgerai che la rifinitura e’ fatta con il pecorino. Questo e’ uno tra i piatti piu’ poveri e piu’ buoni della tradizione siciliana e forse la sua bonta’ sta proprio nel fatto di essere estremamente povero: salsa, melanzane, olio, peperoncino, formaggio ed ovviamente la pasta (rigorosamente fatta a mano) e basilico fresco a volonta’. Poi le varianti possono essere centomila, come e’ giusto che sia.
    Beppe

    Liked by 1 persona

    • In effetti ogni zona della Sicilia ha le sue varianti, per esempio, nella mia zona (prov. di Catania) il peperoncino non si usa.
      Con il pecorino non ho mai provato, deve essere buonissima! 🙂

      Mi piace

  2. Ti chiedo scusa per il ritardo ma il mio rapporto con la tecnologia non e’ mai decollato, peeferisco decisamente i fornelli. Ti garantisco che con il peperoncino e’ buonissima, non solo, ma il mangiare determinate cose, unite come condimento agli alimenti fa benissimo all’ organismo.
    Mi fa piacere parlare di cibo ed alimentazione e mi fa ancora piu’ piacere parlarme con una mia conterranea, io sono di Augusta quella bellissima isoletta in provincia di SIracusa. Una volta quando si andava a CAtania era immancabile per me la tappa al porto per mangiare polpo e patate, chissa’ se ci sono ancora quelle bancarelle. Parlare con te mi fa venire nostalgia di quei tempi, che, tra l’ altro, erano tempi ancora spensierati.
    Ciao Vale e a presto
    Beppe

    Liked by 1 persona

    • Io sono andata via dalla Sicilia tanti anni fa, ma ogni volta che torno cerco di dedicarmi a dei piccoli piaceri come il mangiare in quei posti in cui ho passato la mia infanzia e adolescenza.
      È inutile, la nostalgia non si può superare, soprattutto quando vivi in un posto che è l’esatto opposto della tua terra, senti sempre che ti manca qualcosa.
      Io mi consolo con il cibo che rende tutto più bello!!! 😉
      A presto Beppe!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...